NEXT GENERATION CULTURE: presentazione XII Rapporto Civita

indietro

“Tecnologie digitali e linguaggi immersivi per nuovi pubblici della cultura” questo il sottotitolo del XII Rapporto Civita presentato il 21 giugno a Roma al Ministero della Cultura.

L’Associazione Civita monitora annualmente l’evoluzione del sistema culturale italiano redigendo un report settoriale analitico; l’obiettivo principale di questa XII edizione del Report è stato comprendere come la digital transformation può contribuire a ripensare i modelli organizzativi dei musei e valorizzare in modo innovativo i luoghi della cultura.

Nell’analisi sono emersi i processi di autoriflessione delle Istituzioni museali – innescati dal periodo di pandemia collegato al Covid-19 – con particolare attenzione alla mission perseguita e alla necessità di diversificare la propria offerta in termini di inclusività e accessibilità, a fronte della mutata e più ampia domanda di cultura dei pubblici sempre più influenzati dai social media.

Appare crescente, inoltre, l’esigenza di una cultura digitale da parte dei Manager dei musei e di una maggiore diffusione di pratiche che non si limitino alla “digitalizzazione del passato” ma che promuovano l’ideazione e la produzione di nuove forme di coinvolgimento del pubblico che – come affermato durante la presentazione da Fabio Viola, Fondatore di TuoMuseo, Game Designer – è sempre più “spettAttore” e “spettAutore”. Dalla fruizione passiva si è giunti quindi al coinvolgimento attivo e si sta passando allo “storytelling” e “storydoing”.

L’innovazione tecnologica incoraggerà l’adozione di nuovi modelli di business e favorirà la sostenibilità dei processi; la gamification è, e sarà sempre di più, una leva che manager culturali e operatori museali potranno azionare per far convergere diversi linguaggi culturali, assicurando il coinvolgimento attivo del pubblico.

Il Presidente di Civita Gianni Letta ha sostenuto che sarà il digitale “la chiave di volta per preparare i tempi nuovi. Attraverso una collaborazione tra aziende tecnologiche e operatori del settore sarà possibile implementare il processo di digitalizzazione già accelerato dalla crisi pandemica. Una collaborazione che deve essere sistematica e bidirezionale e che deve affrontare il sistema culturale con un approccio integrato che valorizzi le possibili interazioni con le comunità locali.

Industrie digitali, tecnologie abilitanti e open innovation per la user experience culturale e turistica sono, infatti, al centro dell’indagine settoriale condotta da Alfredo Valeri, Responsabile Ricerca dell’Associazione Civita. Dalla mappatura realizzata, si evince che si tratta sovente di imprese giovani, “startup innovative” nate anche come spin-off universitari e localizzate prevalentemente in alcune regioni (in particolare Lazio, Lombardia, Veneto, Campania e in Sicilia). Intelligenza artificiale, soluzioni immersive, diffusione di dispositivi mobili e indossabili sono alla base del dirompente cambio di modalità di fruizione dei contenuti culturali.

Tra i principali ambiti in espansione censiti figurano:

  • Gamification per il coinvolgimento di pubblici (specialmente dei più giovani)
  • Realtà virtuale (Vr)
  • Opere digitali in realtà aumentata (Ar) fruibili tramite smart device e visori.
  • Tecnologie immersive

Siamo onorati di aver assistito alla presentazione di questo prestigioso Report,  sempre pieno di spunti interessanti e un faro illuminante per tutti gli addetti del settore culturale.

******

Approfondiremo la metodologia lean start up durante la Masterclass “Start up culturali innovative”
L’obiettivo degli incontri online in live streaming con Antonio Scuderi, Founder e CEO di Capitale Cultura, è fornire ai partecipanti gli strumenti e le conoscenze per favorire lo sviluppo di abilità imprenditoriali nel settore culturale al fine non solo di trasformare un’idea in un’opportunità di business ma di creare, distribuire e acquisire valore beneficiando delle misure a sostegno del settore cultura. La metodologia di business modelling che sarà proposta durante la Masterclass è stata pensata, direttamente sul campo, per fornire gli strumenti di fondo per valutare le idee di business, condividerle col proprio gruppo di lavoro, massimizzare risorse e competenze, volgere le debolezze in elementi di forza e le minacce in opportunità.

Treccani Giunti Academy
school of management
16260861006
Treccani Giunti Academy Logo
  1. Homepage
  2. News & Blog
  3. NEXT GENERATION CULTURE: presentazione XII Rapporto Civita
tutte le news prev next
“NEXT GENERATION CULTURE”: presentazione XII Rapporto Civita
Questo sito utilizza i cookie di profilazione, anche di terze parti, per fornire servizi e proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookie.